2b Sassello Bardineto - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Liguria trekking ciclo
Anello 2
Le Tre valli: Erro, Tanaro, Bormida

da Sassello 384 m a Bardineto 711 m
Lunghezza: km 116,300
Salita totale: km 29,000
Dislivello (D+): m 1.342
Quota min: m 300 slm
Quota max: m 1.130 slm
     Le sensazioni che il trekker può vivere nel percorrere questo itinerario possono spaziare dalla sorpresa al disorientamento, tali e tanti sono i cambiamenti cui va incontro nel volgere di pochi chilometri.
     In effetti il tracciato interessa ben tre valli, Erro, Tanaro e Bormida, e due regioni, Liguria e Piemonte, ma sono soprattutto i diversi contesti ambientali a sorprendere nel loro sfumare l’uno dentro l’altro.
     Si lascia Sassello per attraversare i pratoni dell’alta valle Erro, all’interno del Beigua Geopark, un’area dove sono stati rinvenuti resti fossili risalenti a circa 30 milioni di anni fa: oggi siamo ad una quota attorno ai 400 metri, ma qui allora c’era il mare!
     Bastano poche pedalate per superare il basso crinale che separa la valle dell’Erro dal ramo di Spigno della Bormida. L’arrivo a Dego riporta il trekker alle guerre napoleoniche che in questi luoghi hanno vissuto episodi significativi, come la battaglia di Montenotte.

     Dal ramo di Spigno al ramo di Millesimo della Bormida il passo è breve. Millesimo appunto, storico crocevia e punto d’incontro delle vie commerciali che qui si congiungevano; testimonianze del passato sono il castello, restaurato, una sezione dell’antico ponte della Gaietta e i portici della piazza principale.
     Con Millesimo si torna indietro, molto indietro nel tempo andando a visitare il vicino Parco Naturale di Bric Tana e la Valle dei Tre Re, dove sono presenti fenomeni carsici e reperti geologici risalenti ad ere antichissime.
    
     La salita al Colletto di Montezemolo segna il passaggio dalla Liguria al Piemonte: raggiunta Ceva, si entra in val Tanaro, e qui cambia addirittura il modo di pedalare. Il lungo falsopiano di fondovalle si rivela oltremodo scorrevole e permette di tirare con continuità i rapporti lunghi: i chilometri corrono via veloci mentre si attraversano i centri di Nucetto, Bagnasco, con il suo bellissimo ponte romano, fino a Garessio, il cui abitato è formato dai due nuclei di Borgo Ponte e Borgo Piave, quest’ultimo sede del municipio.
     Garessio è anche il punto di collegamento all’anello n. 1, nel tratto che da Bardineto va verso Ventimiglia: chi volesse proseguire in questa direzione deve continuare lungo il fondovalle.
     Diversamente, per rientrare a Bardineto si affronta l’ascesa al colle del Quazzo, una salita con pendenze abbastanza regolari che comunque richiede un certo impegno.
     Lasciata la pianura ci si trova in un ambiente tipicamente montano, poco sopra i mille metri, con una splendida panoramica sulle Alpi Marittime.
     Raggiunto il colle si torna in Liguria e nuovamente in val Bormida: la discesa su Calizzano si snoda con una serie di belle curve attraverso il bosco; quindi, gli ultimi facili chilometri fino a Bardineto.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu