3 Valli Arroscia Pennavaire Neva - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Entroterra in bici
Valle Arroscia - Val Pennavaire - Valle Neva

     Questo settore comprende due valli che corrono pressochè parallele, la valle Arroscia che da Villanova d'Albenga arriva al Colle San Bernardo di Mendatica e la val Pennavaire che da Cisano sul Neva si allunga fino al Colle Capràuna; trasversale a queste si apre la valle del Neva, che da Cisano sale al Colle San Bernardo di Garessio, oltre il confine regionale con il Piemonte.
     
     La bassa valle Arroscia arriva fino a Pieve di Teco, località oltre la quale il ramo principale continua verso Mendatica ed il Colle San Bernardo, mentre una biforcazione tocca l'abitato di Pornassio e raggiunge il Colle di Nava.
     Se Pieve di Teco con il suo borgo medievale ed i portici commerciali costituisce il centro turistico di maggior interesse, Mendatica ed il Colle San Bernardo sono il polo di riferimento per biker ed escursionisti che desiderano percorrere i sentieri e le sterrate attorno al monte Saccarello. Non dimenticando il collegamento con la traversata da Monesi al Colle di Tenda.
     Per parte sua il Colle di Nava, con un articolato sistema di fortificazioni e per essere il collegamento tra la valle Arroscia e la val Tanaro, ma anche con la val Pennavaire attraverso il Passo di Pralè, offre una varietà di itinerari cicloturistici.
     Un interessante collegamento tra la valle Arroscia e l'alta valle Argentina è costituito dalla valle di Rezzo, che da Pieve di Teco sale fino al Colle San Bernardo di Conio: poco prima del Colle si stacca la deviazione per il Passo di Teglia e Molini di Triora.
     
     Della val Pennavaire occorre dire che la bassa valle, fino a Nasino, è in provincia di Savona mentre l'alta valle fa parte della provincia di Cuneo. Qui la valle viene considerata in tutta la sua estensione.     
     Le località di riferimento sono Castelbianco, con la sua Colletta, Nasino, Alto e Capràuna.
     La vocazione della valle è tuttora tipicamente escursionistica, anche per la presenza di vette di tutto rispetto quali l'Armetta, il Dubasso e il Galero, ma più recentemente sono state scoperte e attrezzate numerose vie di arrampicata: una valida alternativa alle frequentatissime palestre del Finalese.

     La valle del Neva, pur breve nel suo sviluppo, registra la presenza di borghi di assoluto interesse storico quali la stessa Cisano e Zuccarello nella bassa valle, Erli e appena discosto Castelvecchio di Rocca Barbena sulla strada che porta al Colle Scravaion e all'Alta val Bormida.
     Da Castelvecchio si stacca anche la deviazione che sale al colletto della Croce di Tornassa, da cui si scende su Balestrino e Toirano.
    Testimonianza degli antichi splendori di epoca medievale sono i castelli ed i borghi di Cisano e di Zuccarello, mentre una attenzione particolare va riservata a Castelvecchio con la sua imponente fortificazione a strapiombo sulla valle.
Itinerari

1) Villanova: La valle Arroscia e le sue frazioni
2) Pieve di Teco: Il borgo romano di Cosio d'Arroscia
3) Pieve di Teco: Autunno in val di Rezzo
4) Zuccarello: Anello del monte Galero
5) Borghetto S.Spirito: Colle Scravaion e Giogo di Toirano
6) Monte Saccarello dal Colle San Bernardo di Mendatica (mtb)
7) Madonna del Monte da Gazzo (mtb)
8) Madonna del Monte da Lovegno (mtb)
9) Madonna del Monte da Armo (mtb)
Salite

  1) Colle di Nava da Pieve di Teco
  2) Lovegno da Pieve di Teco
  3) Colle San Bernardo di Mendatica da Ponti
  4) Passo di Teglia da San Bernardo di Conio
  5) Colle San Bartolomeo da Pieve di Teco
  6) Colle San Bernardo di Conio da Pieve di Teco
  7) Colle San Bernardo di Conio da Colle San Bartolomeo
  8) Colle di Cosio da Ponte Nava
  9) Colle Scravaion da Zuccarello
10) Colle San Bernardo di Garessio da Zuccarello
11) Croce di Tornassa da Zuccarello
Trekking
Anello 1

Tappa da Ventimiglia a Bardineto
Le Alpi Liguri e gli antichi borghi

Tappa da Bardineto a Ventimiglia
Le vie del sale del ponente ligure
 
Torna ai contenuti | Torna al menu