Altare Colla San Giacomo - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Liguria mtb
 
Anello Altare-Colla di San Giacomo

Partenza e arrivo: Altare, località San Lorenzo m 413 slm
Lunghezza: km 22,600
Quota min: m 413 slm
Quota max: m 796 slm
Dislivello (D+): m 383
Ciclabilità: 100%
Sterrato: 78%
Profilo difficoltà: L 1 – D 1 – P 2 – T 1 – Q 1
Periodo consigliato: da aprile a novembre

Accesso: dal casello di Altare si raggiunge il centro abitato, prendendo poi a destra la provinciale per Mallare.

L’itinerario ha inizio dalla località San Lorenzo (m 413 slm), al terzo chilometro lungo la provinciale che da Altare raggiunge Mallare, costeggiando il corso del ramo di Mallare della Bormida. Dal parcheggio antistante un ristorante si pedala per un centinaio di metri in direzione di Altare, piegando poi a destra per imboccare una sterrata recante l’indicazione per le Tagliate.
Su terreno generalmente ben battuto e scorrevole si entra nel bosco, tenendosi a ridosso di un piccolo corso d’acqua, il rio Consevola, per risalire la valletta in direzione dello spartiacque. All’altezza di una biforcazione si tiene la destra e poco oltre si supera un guado, la cui presenza è condizionata da eventuali recenti piogge.
Allorché la carrareccia accenna a prendere quota in misura più sensibile si tiene la sinistra ad un bivio (km 4,800), continuando a pedalare su pendenza comunque non impegnativa attraverso il bosco, ora più fitto. Proprio la copertura boschiva è una costante di questo percorso, tale da consigliarne la frequentazione anche nelle più calde giornate estive.
La salita termina alla Colla del Termine (m 663 slm; km 6,300), punto di incontro di varie direttrici.
Si prosegue lungo la scorrevole sterrata che si apre davanti, passando sul versante a mare dello spartiacque. È questa la zona delle Tagliate, settori dell’area boschiva ove gli alberi vengono appunto tagliati secondo un criterio di alternanza. Raggiunto un bivio (km 9,800) si piega verso destra per affrontare una salita leggermente impegnativa, tale da richiedere una opportuna riduzione dei rapporti. Superata ancora a destra una biforcazione che si incontra poco dopo, si esce, con un ultimo breve tratto appena discendente, alla Colla di San Giacomo (m 796 slm; km 11,900); struttura adibita a rifugio escursionistico e fonte nei pressi.
Lasciata sulla sinistra la sterrata per Pian dei Corsi, si imbocca sulla destra la carrareccia che scende attraverso il bosco, passando nuovamente sul versante settentrionale del crinale. Anche in questo passaggio il fondo ben battuto e l’ampia sede stradale consentono al biker di affrontare con divertenti pieghe le numerose curve; giunti al termine della discesa in località Cadotto (m 503 slm; km 15,500), fontana e bar-ristorante, si passa a pedalare su asfalto. In piano si superano l’antico complesso religioso dell’Eremita e di seguito un maneggio, quindi il lungo rettilineo che porta entro l’abitato di Mallare (m 469 slm; km 17,600).
All’incrocio nel viale alberato si gira a destra, in direzione di Altare. Si percorre ora la provinciale di fondovalle , alcuni chilometri appena ondulati e ben pedalabili che riportano il biker al punto di partenza (m 413 slm; km 22,600).

 
Torna ai contenuti | Torna al menu