Armo MadMonte - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Liguria mtb
 
Madonna del Monte da Armo

Partenza: Armo m 578 slm
Arrivo: Madonna del Monte m 1.171 slm
Lunghezza: km 14,000
Quota min: m 540 slm
Quota max: m 1.171 slm
Dislivello (D+): m 631
Dislivello (D-): m 38
Ciclabilità: 100%
Sterrato: 80%
Profilo difficoltà: L 1 – D 2 – P 2 – T 1 – Q 2
Periodo consigliato: da aprile a novembre

Accesso: A) da Albenga si segue la S.P. n. 453 del colle di Nava fino a Pieve di Teco; b) da Imperia si risale la S.P. n. 28 per scendere poi su Pieve di Teco. Da Pieve di Teco si va a destra per salire ad Armo.
L’itinerario ha inizio dalla frazione San Pietro.

Tracciato agevole e molto gradevole che porta il biker a scoprire quelle località dell’entroterra ligure a torto poco conosciute.
Il percorso è combinabile con l’itinerario che sale da Lovegno, permettendo di realizzare un anello avente Pieve di Teco e la Colla Domenica come punti di congiunzione tra i due tracciati.

Dalla piazzetta della frazione si pedala in direzione di Pieve di Teco in leggera discesa, fino alla chiesa di Sant’Antonio (m 540 slm; km 1,600).
Dopo aver girato a sinistra si prosegue in salita arrivando all’abitato di Moano (m 570 slm; km 3,000), deviando poi a destra per imboccare una sterrata che entra nel bosco.

Superato un primo tratto caratterizzato da una pendenza sostenuta si continua a prendere quota con minor impegno, sia pure su un terreno non particolarmente scorrevole.
Una serie di curve a tornante porta fuori dal bosco, quindi si segue un breve diagonale che raggiunge un crocicchio da cui si arriva in un centinaio di metri alla Colla Domenica (m 921 slm; km 8,500), ove si trova la Cappella della Madonna della Neve.
Da qui l’itinerario è in comune con il percorso che sale da Lovegno.

Tornati al crocicchio si continua dritti lungo la sterrata, in leggera salita, lasciando sulla sinistra la laterale per Case Fenile.
Al bivio successivo (km 11,000) si prosegue ancora dritti, mentra sulla destra si apre la carrareccia che arriva da Gazzo.

Superato un ulteriore dislivello contenuto si esce in prossimità della chiesa di San Cosimo o dei santi Cosma e Damiano (m 1.069 slm; km 12,100).
Si svolta ora verso destra per attraversare un ampio pratone e tornare sulla mulattiera che risale la cresta ed esce all’altezza della chiesetta della Madonna del Monte (m 1.171 slm; km 14,000).

Magnifico panorama sulla valle Arroscia e sui rilievi che la contornano, tra i quali spicca la rocciosa vetta del monte Galero.
Ritorno per il medesimo itinerario o in combinazione con il tracciato che sale da Lovegno, con bella discesa su asfalto fino a Pieve di Teco.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu