Conca del Brugneto - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

A proposito di...
La conca che ospita il bacino artificiale del Brugneto si trova al centro di un'area più ampia che, collocata geograficamente in Liguria, si trova a confinare con il Piemonte e con l'Emilia, essendo delimitata dall'alta val Borbera, dall'alta val Trebbia, dalla val Pentemina e dalla val Brevenna. All'interno si trova il Parco Naturale Regionale dell'Antola, che ha nel monte Antola (m 1.597 slm) il suo nodo orografico di riferimento.

Sul versante ligure, appena a monte di Torriglia, la porta di ingresso alla conca del Brugneto é rappresentato dalla galleria di Garaventa, mentre dal versante piemontese occorre risalire la val Borbera fino a Carrega Ligure per superare poi lo spartiacque in prossimità della minuscola frazione di Capanne di Carrega.
La zona, storicamente ai margini se non addirittura esclusa dalle principali vie di collegamento, ha mantenuto pressoché intatte le sue caratteristiche naturali, proprio quelle che oggi ne costituiscono il maggior pregio. Qui escursionisti e bikers trovano una rete di sentieri, sterrate e mulattiere che collega tra loro i piccoli centri abitati e va poi ad espandersi fino alle regioni confinanti, consentendo di scoprire interessanti itinerari come pure di realizzare brevi percorsi di trekking.

Tra i piccoli centri abitati si ricordano Propata, Caprile, Cassingheno, Rondanina, ma una citazione particolare va alla val Pentemina e al paese di Pentema (foto a fianco), situato alle pendici del monte Antola, un borgo che dopo una lunga storia di isolamento conosce oggi una meritata rivitalizzazione.
La frazione Casa del Romano, tradizionale punto di ritrovo per escursionisti, bikers e cicloturisti, viene annoverata tra i principali punti di interesse anche per la presenza di un Osservatorio astronomico presso il quale, in determinati periodi dell'anno, vengono organizzati eventi aperti al pubblico.

Proprio da Casa del Romano parte il sentiero delle Tre Croci, un panoramico sentiero, ciclabile anche con la mountain-bike, che corre sul crinale ed esce sulla vetta del monte Antola.
Altrettanto spettacolare ma più impegnativa la traversata dalle Capanne di Carrega (m 1.367 slm) alle Capanne di Cosola (m 1.493 slm), una decina di chilometri a cavallo dello spartiacque toccando le vette dei monti Carmo (m 1.640 slm), Poggio Riondino (m 1.630 slm), Legna (m 1.669 slm), Cavalmurone (m 1.670 slm).

Per gli appassionati dei lunghi percorsi si ricorda la Rigantoca (Righi-Antola-Caprile), la manifestazione che nel mese di giugno porta gli escursionisti dal Parco Urbano dei Forti di Genova, località Righi, al paese di Caprile passando per la vetta del monte Antola: una escursione di poco più di quaranta chilometri quasi interamente su sentiero.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu