Faudo Dolcedo - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Liguria mtb
 
Monte Faudo da Dolcedo

Partenza: Dolcedo, Cappella di Santa Brigida m 457 slm
Arrivo: monte Faudo m 1.149 slm
Lunghezza: km 9,200 (km 18,400 A/R)
Quota min: m 457 slm
Quota max: m 1.149 slm
Dislivello (D+): m 692
Ciclabilità: 100%
Sterrato: 75%
Profilo difficoltà: L 1 – D 2 – P 3 – T 1 – Q 1
Periodo consigliato: da marzo a novembre

Accesso: da Imperia si segue la provinciale per Carpasio, fino a Dolcedo. Da qui si devia per la frazione Bellissimi, raggiunta la quale si prende a sinistra per la Cappella di Santa Brigida.
Nota: il tratto da Dolcedo alla Cappella di Santa Brigida (km 6,700 su asfalto) è ben pedalabile, per cui si può prevedere la partenza dalla piazza di Dolcedo (m 77 slm).

Dallo spiazzo si lascia a sinistra la carrareccia per il monte Carino prendendo in leggera salita la sterrata che passa davanti alla Cappella. In questo primo tratto la pendenza si mantiene modesta, ma occorre fare i conti, nella stagione estiva, con la rada copertura boschiva che caratterizza il tracciato.
All’altezza del km 4,100 si trova una fonte, tenendosi a sinistra alla biforcazione, mentre al km 5,000 si passa a pedalare per un tratto su asfalto alternato a strada bianca. La pendenza tende ora ad accentuarsi, soprattutto in corrispondenza di alcune rampe, nel mentre la sterrata si restringe.
In questi passaggi occorre lavorare sui rapporti del cambio, evitando di indurire le gambe: in effetti la salita al Faudo si presenta tutt’altro che omogenea.
In corrispondenza di uno stretto tornante sulla sinistra si è al Passo di Vena (m 968 slm; km 6,400), bel punto panoramico sulla valle Argentina; ancora un breve strappo e si approda ad un lungo falsopiano che corre parallelo al crinale.
Al successivo bivio si devia a destra per affrontare l’impennata finale, su fondo in cemento, decisamente impegnativa; conviene scalare il rapporto prima di attaccare la rampa.
Finalmente l’uscita sulla vetta del monte Faudo (m 1.149 slm; km 9,200), splendido balcone panoramico sulle Alpi Liguri e verso la costa.
Ritorno per l’itinerario di salita.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu