Pas Cavale da colle Maddalena - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Escursionismo/mtb
Francia – Ubaye
Alpes de Haute-Provence
Pas de la Cavale dal Colle d. Maddalena (Col du Larche)
Quota partenza m 1.996 – Quota arrivo m 2.682
Quota minima m 1.903 – Quota massima m 2.682
Lunghezza: km 10,200 – Dislivello m 841 (D+) / m 155 (D-)
Tipologia: sterrata - sentiero
Difficoltà: E (tratto finale: EE)

Accesso
Da Cuneo si raggiunge Borgo San Dalmazzo, da cui si risale la valle Stura di Demonte fino al Colle della Maddalena o Col du Larche.

Punti di appoggio
Colle d. Maddalena (Col du Larche): rifugio della Pace – tel.: (+39) 345.9607067
Larche: località turistica con servizi

Coordinate geografiche
Sistema WGS 84 (World Geodetic System 1984)
DMS: schema sessagesimale - DD: schema decimale

Colle d. Maddalena         DMS 44° 25’ 19,8” N   6° 53’ 52,1” E
                                        DD 44,4222° N    6,8978° E
Pas de la Cavale             DMS 44° 21’ 23,7” N   6° 52’ 49,6” E
                                        DD 44,3565° N    6,8804° E
Pas de la Cavale per la Val Fiourane

     L’itinerario viene accorpato alla valle Stura ma si svolge interamente in territorio francese, all’interno del Parco del Mercantour.
     In alternativa al Colle della Maddalena o Col du Larche si può partire dal parcheggio che si trova circa un chilometro a valle del Colle della Maddalena sul versante francese (segnaletica in loco) o dal paese di Larche. In quest’ultimo caso si risale in auto la sterrata che raggiunge un parcheggio all’altezza del km 1,900 dell’itinerario.

     Il tracciato, semplice e diretto, risale la Val Fiourane tra ampi pratoni nella prima parte e successivamente lungo un sentiero che, superato il lago de la Croix, sale lungo il ripido pendio che esce infine al Pas de la Cavale.
     La parte finale presenta alcuni passaggi leggermente esposti che richiedono passo sicuro.

     Nota: è vietato l’accesso alle mountain-bike.
     Dal Colle della Maddalena, in prossimità del rifugio, si stacca un sentiero che entra in territorio francese, pressochè parallelo alla strada.
     Dopo una brevissima salita la traccia prende a scendere, per poi risalire ad un poggetto con bella vista panoramica sulla valle dell’Ubayette.
     In discesa si va ad incrociare (m 1.945 slm; km 0,800) l’ampio sentiero che arriva dal parcheggio lungo la strada, piegando a sinistra in direzione del fondovalle della Val Fiourane.

     Arrivati ad un pianoro si traversa un ponte andando a congiungersi con la carrareccia che sale dal paese di Larche (m 1.905 slm; km 1,900). La carrareccia è percorribile dalle auto fino al parcheggio che si vede sulla destra, oltre il corso d’acqua.

     Si cammina ora lungo il fondovalle costeggiando a breve distanza il torrentello, seguendo un lieve saliscendi su fondo parzialmente in cemento. Si tratta in realtà di una sorta di corsia larga circa un metro che occupa solo una metà della sterrata: si può così evitare di camminare su un fondo poco adatto alle calzature da escursionismo.

     Raggiunto un colletto (m 1.967 slm; km 3,600) la sterrata si trasforma in un sentiero che continua ancora con andamento a saliscendi, prima di una discesa che riporta sul fondovalle (m 1.903 slm; km 4,800).
     Si attacca ora un tratto abbastanza ripido segnato da una lunga serie di gradoni che esca ad un secondo colletto (m 2.226 slm; km 6,100); attraversata una passerella in legno si continua in salita su sentiero fino ad uscire nella conca del Lac du Lauzanier (m 2.284 slm; km 6,600).

     Contornato il lago sulla destra si cammina lungo un sentiero profondamente scavato dalle acque piovane, salendo ad un ulteriore colletto (m 2.429 slm; km 8,000), oltre il quale si scende in breve ad un facile guado da cui si risale ad una biforcazione (km 8,200).

     Le due tracce si ricongiungono poco più avanti: tenendosi sulla sinistra si rimane in piano mentre sulla destra si scende per pochi metri attraversando una conca detritica per arrivare al Lac de Derrière la Croix (m 2.428 slm; km 8,600).

     Superato il punto in cui le due varianti si ricongiungono si affronta la parte impegnativa dell’escursione, una serie di tornanti che risalgono il ripido pendio e che portano ad un traverso leggermente esposto che taglia il fianco della Rocca dei Tre Vescovi: la traccia molto stretta e il terreno instabile rendono il passaggio delicato.

     Un ultimo tratto in falsopiano e percorribile in tutta sicurezza esce al Pas de la Cavale (m 2.682 slm; km 10,200), sul crinale che corre tra la stessa Rocca e il monte Tète Carrée.

     Nota: la segnaletica locale riporta una quota di 2.671 metri slm.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu