Pontechianale Conce rif. Vallanta - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Escursionismo/mtb
Piemonte – Cuneo – Valle Varaita
Alpi Cozie
Rifugio Vallanta da Pontechianale capoluogo
Quota partenza m 1.615 – Quota arrivo m 2.450
Quota minima m 1.615 – Quota massima m 2.450
Lunghezza: km 11,300 – Dislivello m 974 (D+) / m 139 (D-)
Tipologia: sterrata - sentiero
Difficoltà: EE

Nota mtb: ciclabilità: 95% - Profilo: L 1 – D 3 – P 3 – T 1 – Q 3

Accesso
Da Cuneo si raggiunge Busca e quindi Piasco, da cui si risale la val Varaita fino a Pontechianale capoluogo.
L’itinerario ha inizio dalla piazza del municipio, in borgata Maddalena.

Punti di appoggio
Pontechianale: località turistica con servizi di accoglienza e informazione
Genzana, frazione di Pontechianale
Rifugio Savigliano - CAI Savigliano - tel.: 0175.950178
Rifugio Vallanta - CAI Saluzzo - tel.: 0175.956025

Coordinate geografiche
Sistema WGS 84 (World Geodetic System 1984)
DMS: schema sessagesimale - DD: schema decimale

Pontechianale              DMS 44° 37’ 19,4” N    7° 01’ 41,1” E
                                           DD 44,6220° N    7,0281° E
Genzana                       DMS 44° 37’ 31,8” N    7° 01’ 28,7 ” E
                                           DD 44,6255° N    7,02464° E
Rifugio Savigliano         DMS 44° 37’ 37,5” N    7° 01’ 28,1” E
                                           DD 44,6271° N    7,02447° E
Colletto Conce              DMS 44° 38’ 06,7” N    7° 03’ 10,1” E
                                           DD 44,66351° N   7,05281° E
Rifugio Vallanta            DMS 44° 39’ 55,9” N    7° 03’ 51,3” E
                                            DD 44,6155° N    7,06425° E
Rifugio Vallanta da Pontechianale capoluogo

Meta di questa escursione è il rifugio Vallanta lungo un itinerario alternativo al più classico e frequentato tracciato che parte dal rifugio dell’Alevè, in frazione Castello.
Risulta particolarmente apprezzabile il tratto compreso tra il colletto delle Conce e l’inserzione con il sentiero che sale da Castello, una aerea cornice panoramica parallela al Vallone di Vallanta.

La classificazione EE è dovuta alla presenza di alcuni brevi passaggi attrezzati con catene, peraltro superabili con facilità anche con le bici a spalla.

Sulla via del ritorno si ha modo di chiudere un anello scendendo lungo la sterrata che raggiunge la frazione Castello, da cui si può rientrare al capoluogo sia lungo la provinciale sia percorrendo il bel sentiero pedonale che costeggia il bacino artificiale, accessibile dalla diga.
L’anello misura una ventina di chilometri.
Dalla piazza del municipio di Pontechianale, in borgata Maddalena m 1.615 slm, si percorre in leggera salita la strada che attraversa la borgata Forest, uscendo all’incrocio con la provinciale.
Attraversatala, si raggiunge la frazione Genzana (km 0,600; m 1.655 slm), piccolo borgo restaurato nello stile tipico delle vallate alpine.

Passati tra le case si continua lungo un breve tratto di mulattiera che esce nuovamente sulla provinciale: pochi metri e si devia a destra su per una ripida rampa che porta al rifugio Savigliano (km 1,100; m 1.719 slm).
Il rifugio è base di partenza per alcuni itinerari per mountain-bike che si snodano nella zona, riportati sulla bacheca nei pressi del rifugio.

Oltrepassato il rifugio si prosegue in salita su asfalto fino alla borgata Sellette (km 2,200; m 1.849 slm), quindi su ampia e ben battuta sterrata che raggiunge un bivio in prossimità della Grange Patas (km 3,400; m 2.042 slm).
Lasciato sulla sinistra il sentiero Lanzetti che arriva dalla Grange del Rio, all’imbocco del Vallone di Soustra, si continua dritti, ancora in salita su pendenza costante ma non impegnativa. Segnaletica.

Un rettilineo lungo alcune centinaia di metri termina all’altezza di un tornante e di un bivio, da cui si prosegue tenendosi sulla destra per superare un facile guado e passare davanti alla Grange Rubin, semidiroccata (km 4,100).
La carrareccia supera una serie di curve fino ad uscire su una sorta di balcone panoramico ove si trovano l’ex rifugio Elios e la stazione della seggiovia (km 6,200; m 2.326 slm). Fontana e bacheche informative.
Splendido il panorama sull’alta val Varaita e sulle cime che contornano la conca di Chianale.

L’escursione prosegue passando alle spalle della costruzione, in salita lungo un sentiero ampio ma profondamente scavato dalle acque piovane.
Conviene tenersi sui bordi, specie se in sella alla mountain-bike, mentre si tagliano gli ampi pratoni che scendono dalla Punta Tre Chiosis.
Raggiunto un primo colletto si continua in piano per un breve tratto fino al colletto delle Conce (km 7,500; m 2.451 slm). La quota, misurata con strumentazione GPS, differisce da quella riportata sulla segnaletica locale: m 2.429 slm.
Punto panoramico a strapiombo sul Vallone di Vallanta, con bella vista del Monviso.

Lasciato il sentiero che risale la Cresta Savaresch fino alla Punta Tre Chiosis si inizia il lungo e spettacolare traverso che corre alto sul fondovalle, un sentiero stretto ed a tratti leggermente esposto.
La prima parte si mantiene all’interno del bosco, fino ad un passaggio attrezzato con catene oltre il quale si esce allo scoperto (km 8,600).
Superati un facile guado ed una ripida rampa (km 9,500) si arriva all’intersezione con il sentiero che sale dalla frazione Castello (km 10,200; m 2.312 slm). Segnaletica.

Si piega sulla sinistra per continuare in salita e poco oltre, ad un bivio dove quasi tutti tirano dritti in piano, conviene invece non farsi demoralizzare dalla rampa che si apre sulla sinistra e affrontarla decisi.
Da qui in avanti il dislivello da coprire fino al rifugio è uguale, qualunque sia la scelta; la differenza, importante per i bikers, è data dal fatto che la mulattiera che dal bivio continua sulla destra diviene ben presto uno stretto e sconnesso sentierino che si arrampica sul fianco del canalone scavato dal torrente. Un passaggio ben poco agevole che obbliga a portare a spalla la bici.

Invece, attaccata la rampa che ben presto vede diminuire la pendenza, si traversano i pendii che scendono dalla Punta Tre Chiosis, lasciando sulla sinistra la deviazione per il Passo e il Monte Losetta; superato un facile guado si trova anche la laterale che sale verso il Passo di Vallanta.
Un’ampia curva esce infine sul piazzale del rifugio Vallanta (m 2.450 slm; km 11,300), in prossimità del lago della Bealera Founsa.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu