Realdo CollaMelosa - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Liguria mtb
 
Colla Melosa da Realdo

Partenza: Realdo m 1.010 slm
Arrivo: Colla Melosa m 1.529 slm
Lunghezza: km 21,600
Quota min: m 1.010 slm
Quota max: m 1.947 slm
Dislivello (D+): m 937
Dislivello (D-): m 418
Ciclabilità: 100%
Sterrato: 70%
Profilo difficoltà: L 1 – D 3 – P 2 – T 2 – Q 2
Periodo consigliato: da giugno a ottobre

Accesso: da Taggia, casello dell'autostrada Genova-Ventimiglia, si risale la valle Argentina fino a Molini e Triora, da cui si sale a Realdo.

L’itinerario costeggia il monte Pietravecchia che assieme al monte Grai e al monte Toraggio costituisce il principale nodo orografico della zona.
Alla Colla Melosa si trovano il rifugio Allavena, di proprietà della sezione di Bordighera del CAI, e un albergo.
Appena a valle della Colla si trova il bacino artificiale del lago di Tenarda.

Dalla piazza di Realdo si pedala su asfalto in direzione della Colla di Sanson, in salita con pendenza non impegnativa. La strada presenta qui una alternanza di tratti su asfalto e su sterrato mentre sale con numerose curve attraverso la Foresta Gerbonte.
Superata la frazione Borniga 1307 m (km 3,900) l'itinerario punta verso la cresta di confine che viene raggiunta al km 11,300.

Ora su sterrato, si lascia sulla destra la carrareccia che in leggera discesa va verso il Passo di Collardente per piegare a sinistra, ancora in salita.
Raggiunta la Colla di Sanson (m 1.703 slm; km 11,600) si prosegue dritti, ignorando la laterale che si stacca sulla destra per scendere sul versante francese verso Brigue e la val Roja.

La carrareccia ex militare sale con pendenza contenuta fino alla quota di 1.947 metri, nei pressi della deviazione per il Balcone e la Cima di Marta; si è qui al km 15,100 del percorso.

In discesa, si passa accanto ai ruderi della caserma Grai, all’altezza di un poggio che offre una splendida vista sulla valle e sul lago Tenarda.
Qui si stacca sulla sinistra un sentiero, cartello segnaletico, che punta direttamente alla Colla Melosa ed il cui sviluppo è a vista: si tratta di una scorciatoia adatta più agli escursionisti che ai bikers.

Percorso circa un chilometro si è al bivio per la Sella Agnaira, raggiungibile con una breve deviazione verso destra, quindi si affronta la serie di ampi tornanti che caratterizza il tratto finale.
Al km 20,100 in corrispondenza di un tornante si apre sulla destra il Sentiero degli Alpini, un ardito tracciato scavato nella roccia molto esposto e non ciclabile che taglia il monte Pietravecchia ed esce sul versante opposto.

Con le ultime pedalate si esce alla Colla Melosa (m 1.529 slm; km 21,600).

Il ritorno per il medesimo tracciato con la possibilità, in caso di necessità, di scendere in pochi chilometri alla Colla di Langan e quindi a Molini di Triora, da cui si è a Triora e nuovamente a Realdo. Variante interamente su asfalto.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu