refuge du Viso da rifugio Granero - sitobici

Vai ai contenuti
Escursionismo/mtb
Piemonte – Torino – Valle Pèllice
Alpi Cozie
Refuge du Viso dal rifugio Granero
Quota partenza m 2.377 – Quota arrivo m 2.446
Quota minima m 2.353 – Quota massima m 2.834
Lunghezza: km 4,500 – Dislivello m 481 (D+) / m 412 (D-)
Tipologia: sentiero
Difficoltà: E

Accesso
Al rifugio Granero si arriva dalla Conca del Pra (vedi itin. n. 04/Val Pèllice: Rifugio Granero dalla Conca del Pra) sul versante della val Pèllice oppure da Pian del Re (vedi itin. n. 08/Valle Po: Rifugio Granero da Pian del Re) sul versante della valle Po.
Una terza via prevede come base di partenza il rifugio Barbara Lowrie (Comba dei Carbonieri raggiunta dalla val Pèllice), la risalita del Vallone del Pis ed il superamento del Colle Manzol.
Altri itinerari, ad esempio dalla val Varaita o dal Vallone di Guil, sono da intendersi parte di trekking di più giorni.

Punti di appoggio
Rifugio Granero al lago Lungo – CAI UGET Val Pèllice – tel.: 0121.91760
Refuge du Viso – Valle del Guil – Ristolas - tel.: (+ 33) 492468181

Coordinate geografiche
Sistema WGS 84 (World Geodetic System 1984)
DMS: schema sessagesimale - DD: schema decimale

Rifugio Granero     DMS 44° 44’ 07,3” N    7° 03’ 11,2” E
                                    DD 44,7353° N    7,05311° E
Passo Seilliere      DMS 44° 42’ 59,3” N    7° 02’ 56,8” E
                                   DD 44,71647° N    7,04911° E
Refuge du Viso     DMS 44° 42’ 01,5” N    7° 03’ 06,4” E
                                  DD 44,70042° N    7,05179° E
Refuge du Viso dal rifugio Granero

Gran parte dell’itinerario coincide con l’itinerario n. 05/Val Pèllice: Colle delle Traversette dal rifugio Granero, distaccandosene solo per la breve appendice che raggiunge il refuge du Viso.
Di fatto un quasi doppione, cui però occorre fare riferimento nel definire lo sviluppo di un Giro del Viso che preveda di toccare anche il rifugio Granero.
L’escursione inizia con una breve discesa che porta in prossimità del lago Lungo (m 2.353 slm), da cui si prende subito a salire con una serie di tornantini che segnano il pendio erboso.
Il sentiero, che fa parte della GTA (Grande Traversata Alpina), continua risalendo in forte pendenza il canalone fino ad uscire al Colle Seilliere (m 2.834 slm; km 1,800), sul crinale che separa la valle Pèllice dal Vallone di Guil.

Passati sul versante francese si perde rapidamente quota percorrendo una serie di tornanti e traversi molto ripidi che tagliano i pratoni; si prosegue poi con una alternanza di tratti pianeggianti ed altri molto scoscesi che infine raggiungono il fondovalle del Guil, all’altezza di un bivio (m 2.465 slm; km 3,500), segnaletica.

Qui si lascia sulla sinistra la deviazione per il Colle delle Traversette proseguendo dritti per un breve tratto fino ad un secondo bivio: sulla destra il sentiero scende verso il Belvedere del Viso e il villaggio di l’Echalp, mentre proseguendo ancora dritti si arriva in circa un chilometro al refuge du Viso (m 2.446 slm; km 4,500).
Torna ai contenuti