rifugio Granero da Conca Pra - sitobici

Vai ai contenuti
Escursionismo/mtb
Piemonte – Torino – Valle Pèllice
Alpi Cozie – Conca del Prà
Rifugio Granero dalla Conca del Prà
Quota partenza m 1.732 – Quota arrivo m 2.377
Quota minima m 1.732 – Quota massima m 2.377
Lunghezza: km 6,100 – Dislivello m 645 (D+)
Tipologia: sterrata - sentiero
Difficoltà: E

Accesso
Da Bagnolo Piemonte si risale la val Pèllice superando Torre Pèllice, Villar Pèllice e Bobbio Pèllice. Proseguendo, si arriva a Villanova, da cui si hanno varie opzioni per raggiungere la Conca del Pra: gli escursionisti possono seguire l’antica mulattiera che si interseca con la più recente sterrata (transito regolamentato) oppure il meno battuto sentiero che esce poco a valle della Conca. In ambedue i casi, passato il ponte sul Pèllice, si traversa l’ampio pratone per uscire all’altezza del rifugio Jervis.

Punti di appoggio
Rifugio Jervis alla Conca del Prà – CAI UGET Val Pèllice - tel.: 0121.932755
Ciabot del Prà alla Conca del Prà – tel.: 0121.953477
Rifugio Granero al lago Lungo – CAI UGET Val Pèllice – tel.: 0121.91760

Coordinate geografiche
Sistema WGS 84 (World Geodetic System 1984)
DMS: schema sessagesimale - DD: schema decimale

Rifugio Jervis       DMS 44° 46’ 24,2” N    7° 02’ 17,8” E
                                DD 44,7734° N    7,03828° E
Ciabot d. Prà       DMS 44° 46’ 21,4” N    7° 02’ 13,9” E
                                DD 44,7726° N    7,03719° E
Rifugio Granero   DMS 44° 44’ 07,3” N    7° 03’ 11,2” E
                                DD 44,7353° N    7,05311° E
Rifugio Granero dalla Conca del Prà

Escursione varia e piacevole al rifugio Battaglione Alpini Monte Granero e al vicino lago Lungo, in un contesto che dai verdeggianti alpeggi della Conca del Prà vira al roccioso ambiente che caratterizza la testata della valle.
Il rifugio è base di partenza per ascensioni alla vetta del monte Granero, ma permette anche la realizzazione di trekking verso il Vallone del Pis attraverso il Colle Manzol e verso il Vallone del Guil attraverso il Colle Seilliere.
Dal rifugio Jervis si passa davanti al Ciabot, fontana, continuando lungo la bella sterrata che risale gli ampi pratoni della Conca.
Lasciate alle spalle le poche case della frazione Prà si costeggia a volte da presso a volte da lontano il corso del torrente Pèllice, raggiungendo una fonte. Poco oltre si è ai casolari di Partia d’Amount (m 1.750 slm; km 2,300), ove è possibile acquistare formaggi e prodotti tipici locali.

Poche centinaia di metri dopo si supera un guado sul torrente Pèllice utilizzando una precaria passerella e, passati sulla sponda opposta, si è ad un bivio (km 2,800): qui ci si tiene sulla destra, su per un sentiero che sale ripido attraverso il rado bosco.
Usciti ad una conca, in località Pian Sineive (m 2.040 slm), e lasciata sulla sinistra la deviazione per il lago di Mal Consei si supera nuovamente il torrente, attaccando il lungo spallone alla cui sommità si trova il rifugio.

Conviene tenersi sulla destra, leggermente più in basso rispetto alla schiena del dosso, piuttosto che affrontare direttamente l’antico sentiero che seguiva la linea di massima pendenza.
Superati un paio di ampi tornanti si esce all’altezza del rifugio Granero (m 2.377 slm; km 6,100).

Dal rifugio un breve raccordo scende al lago Lungo, al fondo di un’ampia conca.

Il ritorno è per l’itinerario di salita.
Torna ai contenuti