Salite - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cicloturismo
 
     In questa sezione viene offerta una raccolta di salite presenti in un'area che comprende la Liguria e parte del Piemonte.
     L'elenco viene via via ampliato con il procedere della fase di ristrutturazione ed aggiornamento dei dati presenti in archivio, compresi i rilievi GPS.


     Le singole schede, in formato jpg, possono essere stampate per ottenere un pieghevole della misura di cm 20 x 15 che, ripiegato, si riduce a cm 10 x 15, un formato tascabile. Viene consigliata una risoluzione di stampa di 600 dpi. Le schede rimangono leggibili anche in caso di stampa monocolore b/n.

     Le coordinate geografiche, latitudine Nord e longitudine Est, adottano il sistema di riferimento WGS 84 (World Geodetic System 1984). I relativi valori sono espressi secondo il sistema sessagesimale DMS (Degree, Minute, Second): hddd° mm' ss.s''.
     Esempio: N 44° 12' 00.2''  E 9° 49' 35.0''
     I rilievi sul terreno sono stati effettuati con l'utilizzo di uno strumento di rilevazione preventivamente tarato ed in presenza, nei luoghi oggetto di rilevazioni, di una adeguata copertura satellitare. Si tenga infatti presente che un numero ridotto di satelliti può generare errori a carico sia delle distanze sia delle quote misurate, ma talvolta anche a carico di una sola di esse.
     I tracciati corrono su strade asfaltate; in caso di salite su sterrato, viene inserita la sigla mtb.
 
Spiccioli di tecnica
a] A parità di rapporto, la combinazione che somma il minor numero di denti è la più agile. Ad esempio, in pianura conviene spingere un 39x13 (52 denti) piuttosto che un 54x18 (72 denti): il rapporto è in ambedue i casi di 1:3 ma, a parità di rendimento, la maggiore agilità scongiura l’appesantimento della muscolatura e la sensazione di rigidità del tronco.
b] Prima di affrontare una salita può convenire diminuire la velocità nel chilometro precedente, cercando di abbassare i ritmi cardiaco e respiratorio, anche in questo caso ricorrendo ad una combinazione di rapporti più agile, prossima a quella che si prevede di utilizzare in salita.
c] In discesa si prende velocità per inerzia e per la facilità di spingere rapporti lunghi, ma attenzione: all’uscita da una curva lenta o da un tornante è bene scalare i rapporti prima di rilanciare la bici; diversamente, si finisce per indurire la muscolatura proprio quando si è portati a credere di poterla distendere.
d] In salita quando si passa dalla posizione seduti alla posizione in piedi é opportuno ricorrere ad un rapporto più lungo sfruttando la maggior dinamicità della pedalata.
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu