Sassello Torriglia foto - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

Liguria trekking ciclo
Pian della Badia
     Pian della Badia fa parte del Parco del Beigua ed ospita l'Abbazia cistercense di Santa Maria alla Croce risalente al Xll secolo, oggi riadattata alla sua originaria funzione di luogo di culto e di accoglienza.
     La località si trova all'incrocio tra la valle dell'Orba e la valle di Ortiglieto alla cui estremità opposta si trova il paese di Molare, raggiungibile con un bell'itinerario di fondovalle che tocca il piccolo paese di Olbicella, attraversando un ambiente insolitamente roccioso e quasi selvaggio.
Campoligure e la valle Stura
     La località nasce nel lll secolo come avamposto fortificato col nome di Campofreddo, cambiato in Campoligure solo nel 1884.
     La valle dello Stura, nel tratto compreso tra Masonee Ovada, è frequentatissima dai ciclisti per la sua scorrevolezza e per la quasi totale assenza di traffico, se non quello locale.
     Peraltro offre una serie di varianti laterali che portano sulla sinistra orografica verso il Parco del Beigua e sulla destra in direzione del Parco di Marcarolo e dei Piani di Praglia.
     L'anello classico prevede il collegamento della stessa valle Stura con la valle dell'Orba, attraverso i valichi del Faiallo e della Crocetta, con un passaggio in prossimità di Pian della Badia.
La Benedicta
     Il complesso della Benedicta, risalente all'Xl secolo, è stato in orgine un monastero benedettino che svolgeva anche una importante funzione di ospitalità per i mercanti che percorrevano la via commerciale tra la costa ligure e la pianura padana.
     Tale rimase fino al secolo XVll, quando divenne proprietà di una famiglia nobiliare e perse la sua valenza religiosa.
     La struttura, composta da più edifici, andò distrutta nel corso della seconda guerra.
     Oggi si tenta di recuperare l'area a fini di testimonianza della sua storia anche con la creazione di un Parco della Memoria in ricordo dell'eccidio che qui avvenne.
     Sul posto si trovano alcune bacheche illustrative.
Voltaggio
     Il paese si trova lungo il corso del torrente Lemme, in una ampia conca ai piedi del monte Tobbio, meta di escursionisti.
     La località è nota per alcune produzioni dolciarie e per la sua tradizione turistica, ma è anche frequentata dai numerosi ciclisti che si impegnano lungo le rampe del valico della Bocchetta in direzione di Genova e sulla meno ardua salita della Castagnola verso Borgofornari e la valle Scrivia.
     Un classico anello per scalatori prevede il superamento della Castagnola da Voltaggio, dei Giovi da Busalla e della Bocchetta da Campomorone.
La ferrovia Genova - Casella
     La ferrovia a scartamento ridotto che da Genova raggiunge la località turistica di Casella attraversa nel primo tratto il Parco Urbano delle Mura di Genova.
     Il tracciato è lungo 24 chilometri e corre tra colline e boschi collegando la valle del Bisagno alla valle Scrivia e all'immediato entroterra della città.
    Lungo la linea si trovano alcune stazioni intermedie da cui si dipartono sentieri e sterrate; tra essi si ricordano il sentiero botanico ed il rifugio escursionistico di Ciaé, raggiungibili dalla stazione di Sant'Olcese.
     I convogli sono attrezzati per il trasporto delle bici.
Il Parco Naturale dell'Antola
     La vetta del monte Antola a quota 1.597 metri, raggiungibile anche in mountain-bike seguendo itinerari che partono dai suoi vari versanti, costituisce una meta classica e frequentatissima dagli escursionisti che percorrono i sentieri all'interno del Parco.
     Poco sotto la vetta si trova il rifugio escursionistico dell'Antola.
     Altra meta gettonatissima è il bacino artificiale del Brugneto con il suo percorso pedonale che ne costeggia le rive.
     Ulteriore occasione per una visita all'area protetta è l'Osservatorio astronomico presso Casa del Romano, poco a monte del paese di Propata lungo la strada per le Capanne di Carrega e la val Borbera.
Torriglia
     Torriglia è base di partenza per escursioni verso la vetta del monte Antola, alla rispettabile quota di 1597 m slm. Poco sotto la vetta si trova il rifugio dell’Antola.
     E di escursioni a piedi, in mountain-bike e cicloturistiche se ne possono fare davvero tante, potendo spaziare in un’area che comprende anche la val Pentemina, la val Brevenna, l’alta val Trebbia, la conca del lago del Brugneto, l’alta val Borbera, fino a seguire lo spettacolare crinale in alta quota - si superano i 1600 m slm - che raggiunge la val Staffora, in provincia di Pavia.
     In sintesi un giro tra Liguria, Piemonte, Lombardia, Emilia.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu