Val Petronio - sitobici

Vai ai contenuti

Menu principale:

A proposito di...
Muntà da Velva è il sentiero escursionistico che collega il paese di Velva, frazione di Castiglione Chiavarese, al Santuario della Guardia, eretto all'altezza del valico che separa la val Petronio dalla valle del torrente Torza, affluente del fiume Vara.
Il sentiero è un tratto dell'antica via di comunicazione che dal porto di Sestri Levante risaliva il fondovalle della val Petronio, superava il valico di Velva per scendere poi verso la valle del Torza, raggiungendo poi il borgo commerciale di Varese Ligure, il posto di dazio ove venivano riscosse le gabelle. Da Varese Ligure mercanti e merci proseguivano superando i confini della Repubblica di Genova per arrivare in Padania.

Le due valli, separate dal valico di Velva ma unite da un lungo traforo, si trovano l'una, la val Petronio, in provincia di Genova mentre l'altra, la valle del Torza, si trova in provincia di La Spezia. I centri principali della val Petronio sono Casarza Ligure e Castiglione Chiavarese, mentre nelle valle del Torza la località di riferimento è San Pietro Vara, alla confluenza tra il torrente Torza e il fiume Vara.

Lungo la via commerciale fino al XVll secolo transitavano, trainati da coppie di buoi, i legnami da garibo per la costruzione delle galere, costituiti da lunghi fusti di faggio usati per la costruzione dei remi. Il legname era prelevato dalle foreste del monte Gottero e del monte Penna, allora comprese nella Podesteria di Varese Ligure, per essere condotto alla marina di Sestri Levante da cui veniva imbarcato per i cantieri navali genovesi. Qui passavano anche le pesanti mole destinate ai mulini camerali della Podesteria varesina, che la Repubblica spediva ai porti di Sestri o di Moneglia.

In comune, la val Petronio e la valle del Torza hanno un'area compresa tra il Passo del Bocco di Bargone ad ovest e il valico della Mola ad est: un comprensorio caratterizzato da verdissime colline, all'interno delle quali si sviluppa una rete di stradine secondarie gradevolissime da percorrere in bicicletta.
Qui il pedalare per conoscere realizza la sua motivazione, alla scoperta di piccoli borghi e frazioni come Bargone, Costa, Maissana, Tavarone, Torza, Ossegna, Salino, per citarne alcune, in un susseguirsi di salite e discese che al puro divertimento uniscono scorci panoramici che arrivano alla costa.

Anche il biker trova il suo terreno preferito, lo sterrato: tra i vari tracciati la meta classica è la vetta del monte Porcile, a 1.249 metri di quota, raggiungibile sia da Casarza Ligure sia da Tavarone; splendido il panorama che si gode dalla cima.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu